LESOTHO

Data di creazione : 4 ottobre 1966

Breve storia in ordine cronologico:

19° secolo: gli abitanti originari del Lesotho, i Basuto, furono guidati dal re Moshoesho I in battaglie con i gruppi etnici circostanti e le forze militari britanniche.

1868: dopo gli scontri con la Gran Bretagna e con lo Stato Libero di Orange (l’attuale Sud Africa), il re Moshoeshoe I firmò un trattato di protezione con la Gran Bretagna, rendendo il paese un protettorato britannico noto come Baskenland.

1966: Il Lesotho ottiene l’indipendenza dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Il 4 ottobre 1966 divenne un regno indipendente. Il primo re del Lesotho indipendente fu il re Moshoeshoe II.

1970: Re Moshoeshoe II. fu rovesciato da un colpo di stato militare e il paese passò sotto il governo militare.

1986: Re Moshoeshoe II. tornò in carica e tentò di restaurare la monarchia. Tuttavia, morì nel 1990 e gli successe il figlio come re Letsie III.

1993: Il Lesotho adotta una nuova costituzione democratica e si tengono le prime elezioni democratiche. Il Paese ha avviato il processo di transizione verso la democrazia.

21° secolo: il Lesotho ha dovuto affrontare instabilità politica, inclusi diversi cicli elettorali in cui si sono verificati crisi politiche, cambiamenti di governo e controversie tra partiti politici.

 

Abbreviazione internazionale : LS

 

Valuta : Lesotho loti LSL

Loti viene spesso chiamato anche maloti. Il Lesotho utilizza la propria valuta, ma anche il rand sudafricano è ufficialmente riconosciuto e utilizzato spesso. Ciò significa che è possibile effettuare transazioni in entrambe le valute in Lesotho. Il rand sudafricano è spesso la valuta preferita dal commercio internazionale e dai turisti.

 

Dominio Internet : .ls

 

Prefisso telefonico : +266

 

Fuso orario : GMT +2

 

Geografia :

Il Lesotho è famoso per le sue montagne e la maggior parte del paese si trova ad alta quota. La catena montuosa principale sono i Monti Maloti, che si estendono lungo il confine occidentale del paese. Il Lesotho ospita numerose vette che superano i 3.000 metri sul livello del mare, rendendo queste montagne tra le più alte dell’Africa meridionale.

Il Lesotho è ricco di fiumi e laghi. I fiumi principali sono i fiumi Orange, Senqu e Malibamatso. Il paese ospita anche numerosi laghi, tra cui la diga Katse, la diga Mohale e le cascate Maletsunyane.

 

Vetta più alta : Thabana Ntlenyana 3.482 m sul livello del mare

Questo picco è il punto più alto non solo del Lesotho, ma anche dell’intera regione dell’Africa del Sud. Thabana Ntlenyana si trova nei Monti Maloti.

 

Clima :

Il Lesotho ha un clima fresco con una significativa differenza di temperatura tra inverno ed estate. Gli inverni (luglio e agosto) sono freddi e più secchi, con temperature che spesso scendono sotto lo zero durante la notte. Le estati (da novembre a febbraio) sono più calde ma ancora relativamente secche. Quasi tutto lo stato si trova ad un’altitudine superiore ai 1.000 metri, il che ha un effetto significativo sul clima. Un’altitudine più elevata significa temperature più fresche e differenze significative tra le temperature diurne e notturne.

Il paese appartiene alle aree con minori precipitazioni dell’Africa meridionale. La maggior parte delle precipitazioni cade solitamente durante i mesi estivi, ma le precipitazioni totali sono relativamente basse, il che può influire sull’agricoltura e sulla disponibilità di acqua.

 

Fauna e flora:

Il Lesotho ospita molte specie di uccelli, tra cui aquile, corvi, falchi, cinciallegre e altro ancora. Gli uccelli sono riccamente rappresentati in montagna e nei pascoli.

Nelle zone montuose si possono trovare diverse specie di mammiferi, tra cui antilopi, zebre, iene, marsupiali e altri. Ad altitudini più elevate potresti incontrare alpaca e pecore.

Fiumi e laghi ospitano diverse specie di pesci, il che influisce sull’industria della pesca e sulla dieta della popolazione locale. Il paese ha una vegetazione montana unica.

Alcune specie di piante sono endemiche, nel senso che si trovano solo in quel paese. Ciò include alcune specie vegetali come l’aster del Lesotho (Asteraceae), che è il simbolo del Lesotho.

 

Agricoltura :

L’agricoltura prevede la coltivazione di una varietà di colture, tra cui cereali (grano, orzo, mais), patate, barbabietole e legumi. Queste colture costituiscono la base della dieta della popolazione locale.

La pastorizia gioca un ruolo fondamentale. Molti residenti allevano bestiame, tra cui pecore, capre e bovini, adattati all’ambiente freddo e ad alta quota. La lana di pecora è un prodotto importante per l’industria tessile. Grazie ai fiumi e ai laghi è diffusa la pesca, che costituisce fonte di sostentamento per alcune comunità, soprattutto alle quote più basse.

 

Estrazione delle materie prime :

Il Lesotho è noto per l’estrazione di diamanti, ma questa estrazione non è così significativa come in altri paesi africani come il Sud Africa o il Botswana. Un importante giacimento di diamanti è la miniera di diamanti Letseng, nota per alcuni dei diamanti più rari al mondo, compresi i diamanti blu.

Il paese esporta prodotti dell’industria tessile, compresi abbigliamento e materiali tessili, che sono importanti per l’economia e l’occupazione.

 

Industria:

L’industria tessile è una delle industrie più importanti. Il paese ha diverse fabbriche per la produzione di abbigliamento e materiali tessili.

L’industria alimentare comprende la lavorazione di alimenti come cereali, patate, latticini e carne.

Il Lesotho ha un potenziale significativo per la produzione di energia idroelettrica. Grazie al fiume Orange e ai suoi affluenti come il fiume Senqu, sono state costruite centrali idroelettriche. L’elettricità viene prodotta ed esportata, principalmente nella Repubblica del Sud Africa, che apporta entrate al paese.

 

Servizi e altri settori dell’economia : servizi, turismo

 

Punti di interesse naturali e storici: montagne del drago, città di Maseru, riserva di Bokong, cascate di Semonkong e Maletsunyane.

L’attrazione principale per i turisti è il paesaggio montano. I visitatori vengono qui per fare trekking o escursioni sui Monti Maloti, inclusa la scalata delle vette più alte come Thabana Ntlenyana. Il Lesotho è anche una destinazione popolare per i cicloturisti. Il paesaggio montano offre sfide per la mountain bike, nonché splendidi panorami e percorsi panoramici.

I turisti possono visitare i tradizionali villaggi del Lesotho e farsi un’idea della cultura e dello stile di vita locale. Danze tradizionali, musica e artigianato fanno parte dell’esperienza culturale.

Il paese ha diversi parchi nazionali e riserve naturali. Questi includono, ad esempio, il Parco Nazionale Sehlabathebe, il Parco Nazionale Ts’ehlanyane e altri.

 

Parchi acquatici:

 

Forma di governo: monarchia costituzionale

Il Lesotho è una monarchia costituzionale, il che significa che ha un monarca: ha un ruolo più cerimoniale e i suoi poteri sono limitati dalla costituzione.

Il governo è parlamentare, il che significa che il potere esecutivo è esercitato dal governo. L’organo principale del potere esecutivo è il primo ministro, nominato dal re sulla base delle elezioni parlamentari e ha il potere di eseguire il governo e gestire gli affari dello Stato. Il Parlamento è composto da due camere: l’Assemblea nazionale (la Camera dei Deputati) e il Senato. I membri dell’Assemblea nazionale sono eletti a suffragio universale e hanno potere legislativo. Il Senato è composto da membri nominati dal re, compresi i leader tradizionali.

La Corte Suprema è la Corte di giustizia del Lesotho, che è la corte suprema per le cause civili e penali.

 

Capitale : Maseru

La città si trova vicino al fiume Caledon, non lontano dal confine con la Repubblica del Sud Africa. La storia di Maseru e la fondazione di questa città risalgono a quando il Lesotho faceva parte dell’Impero Zulu e successivamente fu governato dai boeri e dall’Impero britannico.

Maseru è stata fondata nel 1869 dal missionario francese e sacerdote cattolico François Coillard. Il nome “Maseru” deriva dalla parola locale “Maserunyane” che significa “piccolo crinale” e si riferisce alle colline circostanti.

 

Superficie : 30.355 km2

 

Popolazione : 2.300.000 (2022)

La maggioranza della popolazione appartiene al gruppo etnico Basotho, che è un gruppo etnico bantu. Costituiscono la maggioranza della popolazione e sono culturalmente e linguisticamente omogenei. La lingua ufficiale è Sesotho (chiamato anche Sotho). L’inglese è anche una lingua ufficiale ed è spesso utilizzato nell’amministrazione e nell’istruzione. La maggioranza della popolazione pratica il cristianesimo. Anche le religioni tradizionali africane rappresentano ancora una parte importante della vita culturale. La popolazione del Lesotho deve affrontare diverse sfide sanitarie. Il governo e le organizzazioni internazionali implementano programmi per migliorare l’assistenza sanitaria e prevenire le malattie.

 

Monumenti UNESCO: 1

 

  1. Maloti Drakensberg (2000) – Il Parco Drakensberg comprende molte grotte e strapiombi che contengono pitture rupestri create dal popolo San nel corso di 4.000 anni.
                

Parchi nazionali: 2

 

  1. Parco nazionale Sehlabathebe
  2. Parco nazionale di Ts’ehlanyane