NIGERIA

Data di creazione : 1 ottobre 1960

Breve storia in ordine cronologico:

Arrivo degli europei: nel XV secolo gli esploratori portoghesi arrivarono nel territorio della Nigeria. Successivamente, nel XIX secolo, le potenze coloniali europee, in particolare la Gran Bretagna, iniziarono a diffondersi. Gli inglesi fondarono la colonia britannica della Nigeria, che comprendeva vari gruppi etnici.

Indipendenza: la Nigeria ottenne l’indipendenza dal dominio coloniale britannico il 1° ottobre 1960. Divenne una repubblica federale ed elesse Nnamdi Azikiwe come primo presidente.

Instabilità politica: il paese ha vissuto una serie di sconvolgimenti politici, colpi di stato militari e periodi di instabilità politica dopo l’indipendenza. Ciò includeva un periodo di governo militare e una guerra civile (1967-1970), nota anche come Guerra del Biafra.

Ritorno al governo civile: nel 1999, la Nigeria è tornata alla democrazia civile dopo la fine del governo militare. È stato ripristinato un sistema politico multipartitico e la Nigeria ha iniziato a eleggere i suoi presidenti tramite elezioni democratiche.

Sfide economiche: il paese è noto per le sue ricche riserve petrolifere, ma deve affrontare sfide legate alla povertà, alla corruzione, alla disuguaglianza e al sottosviluppo delle infrastrutture.

 

Abbreviazione internazionale : NG

 

Valuta : Naira nigeriana NGN

La naira è divisa in unità più piccole chiamate kobo. Un kobo viene utilizzato per piccole transazioni e vale un decimo di naira. La Naira è la valuta ufficiale del paese e viene utilizzata per tutte le transazioni finanziarie in Nigeria.

 

Dominio Internet : .ng

 

Prefisso telefonico : +234

 

Fuso orario : GMT +1

 

Geografia :

La Nigeria ha circa 853 chilometri di costa lungo il Golfo di Guinea. Questa zona comprende le città di Lagos e Port Harcourt ed è un importante centro economico e commerciale del paese.

L’interno è costituito da diversi tipi di paesaggi, tra cui savane, montagne, laghi e fiumi. I principali fiumi della Nigeria sono il Niger, il Benue e il Kaduna, importanti per l’agricoltura e i trasporti.

La maggior parte della Nigeria appartiene alla regione dell’Africa sub-sahariana. Nell’est del paese si trovano le montagne di Jos Plateau e Obudu Plateau, che offrono splendidi scenari paesaggistici.

Nella parte settentrionale si trovano zone desertiche, compreso il Sahara. Il deserto del Sahara si estende fino al confine con il Niger a nord.

 

Vetta più alta : Chappal Waddi 2.419 m sopra il livello del mare

Situato nei Monti Shebshi nella parte settentrionale del paese. Vicino al confine con il Camerun.

 

Clima :

La maggior parte della Nigeria appartiene alla regione dell’Africa sub-sahariana e ha un clima di savana. Ciò include la stagione secca e la stagione delle piogge. Le stagioni secche possono essere estremamente calde con temperature elevate, mentre le stagioni piovose portano umidità e precipitazioni più elevate.

Nella parte settentrionale, soprattutto in prossimità del Sahara, si trovano zone desertiche dal clima caldo e secco. Le temperature qui possono essere estremamente elevate e le precipitazioni minime.

Il delta del fiume Niger, situato nel sud del paese, ha un clima tropicale umido. Qui la stagione delle piogge è più lunga con periodi piovosi significativi. Questa zona è nota per la sua ricca vegetazione e la produzione agricola. L’area dell’altopiano di Jos e dell’altopiano di Obudu ha un clima più mite a causa delle altitudini più elevate.

La costa atlantica ha un clima tropicale con elevata umidità e precipitazioni. Le temperature qui sono più piacevoli, ma la zona può essere interessata da occasionali cicloni tropicali.

 

Fauna e flora:

Nelle aree della savana puoi trovare una varietà di animali selvatici, tra cui elefanti, tori, leoni, leopardi, ghepardi, zebre, kudu, bufali e molti altri.

La Nigeria ospita molte specie di uccelli, tra cui pappagalli, aquile, pellicani e cormorani. Molte specie di pesci, tartarughe e coccodrilli vivono nelle zone costiere. L’area è anche un importante sito di nidificazione per le tartarughe marine come la tartaruga caretta. Il paese ospita varie specie di primati: scimpanzé, gorilla e altri, e ci sono molte specie di serpenti e lucertole.

Le aree della savana sono ricche di diversi tipi di erba, alberi e arbusti. Acacie e baobab sono alberi tipici di questa zona. Nella parte sud-occidentale si trovano le foreste pluviali, che presentano una ricca vegetazione come palme, viti e orchidee. La Nigeria ha una serie di specie endemiche di piante e fiori, tra cui l’ibisco e varie piante medicinali.

Le zone costiere sono note per le loro foreste di mangrovie, che rappresentano un habitat importante per molti animali marini.

 

Agricoltura :

Le principali colture coltivate qui includono mais, manioca, riso, patate dolci, arachidi, piselli, soia e banane. Riso e mais sono gli alimenti base della dieta nigeriana.

La Nigeria produce anche caffè e cacao, importanti per l’esportazione. L’allevamento del bestiame è particolarmente importante nelle regioni settentrionali. Qui vengono allevati bovini, pecore, capre e altri animali da fattoria. Anche la pesca è un importante mezzo di sostentamento.

 

Estrazione delle materie prime :

La Nigeria è uno dei maggiori produttori di petrolio in Africa e dispone di ampie riserve di gas naturale. L’industria petrolifera rappresenta una parte significativa dell’economia del Niger e le entrate petrolifere rappresentano gran parte del bilancio statale. Dispone di riserve di carbone, le cui attività estrattive si svolgono principalmente nella regione di Enugu, nella parte sud-orientale del paese. Viene utilizzato principalmente per la produzione di energia elettrica e processi industriali.

Tuttavia, l’estrazione di metalli preziosi come l’oro o lo stagno è meno sviluppata rispetto a quella del petrolio e del carbone. Il paese ha vaste riserve minerali, tra cui minerale di ferro, calcare, caolino, sale, fosfati e altro ancora. Grazie alle estese foreste, qui il legno è un importante prodotto di esportazione.

 

Industria:

L’estrazione, la raffinazione e la lavorazione del petrolio sono settori chiave. Le raffinerie trattano il petrolio greggio per il consumo interno e l’esportazione.

Il Paese sta cercando di sviluppare infrastrutture, comprese strade, ponti, aeroporti e porti, che offrano opportunità al settore delle costruzioni.

Alimenti trasformati dall’industria alimentare come cacao, caffè, olio di palma, latticini e altri. L’industria tessile deve far fronte a una forte concorrenza da parte di altri paesi.

 

Servizi e altri settori dell’economia : trasporti, telecomunicazioni, banche

 

Punti di interesse naturali e storici : parchi nazionali Yankari e Gashaka Gumti, regione di Afi, Sukur, Enugu, Zuma, lago Ciad, Abuja, spiagge

La Nigeria ha un ricco patrimonio culturale. La cultura locale, comprese le arti tradizionali, l’artigianato e i festival, offre un’esperienza attraente per i turisti. Splendidi scenari naturali, tra cui savane, foreste pluviali, montagne, laghi e fiumi. I parchi nazionali come il Parco Nazionale Yankari e il Parco Nazionale Cross River ospitano fauna selvatica e ottimi posti per safari e birdwatching.

Le città costiere come Lagos e Calabar offrono opportunità per il relax sulla spiaggia e le attività acquatiche. Questi luoghi sono conosciuti anche per la loro ricca scena culinaria con piatti locali e specialità di pesce.

 

Parchi acquatici:

 

Forma di governo: repubblica presidenziale

La principale autorità statale in Nigeria è il presidente, che è il capo dello stato e del governo ed è eletto per un mandato di quattro anni. Il presidente ha il potere esecutivo e nomina i ministri.

Il potere legislativo è diviso tra due camere: il Senato e la Camera dei Rappresentanti. Il Senato è composto da 109 senatori, mentre la Camera dei Rappresentanti ha 360 deputati.

La Corte Suprema è il più alto organo giudiziario del paese e ha giurisdizione sul diritto costituzionale e sul controllo della legalità.

 

Capitale : Abuja

Nel 1976 si decise di spostare la capitale da Lagos nella metropoli di recente costruzione nella parte centrale del paese. Si tratta di costruire una nuova metropoli su un prato verde, simile, ad esempio, alla città di Brasilia. Abuja è diventata la capitale nel 1991. Fino ad oggi la città non è riuscita a creare un carattere veramente metropolitano. Per molto tempo Abuja è stata una città quasi vuota dove si trasferivano i funzionari di Lagos.

Il trasferimento della capitale è stato effettuato per decentralizzare le strutture governative e consentire uno sviluppo più uniforme in diverse parti del paese.

 

Superficie : 923.768 km2

 

Popolazione : 226.000.000 (2022)

La Nigeria è caratterizzata da una grande diversità etnica e religiosa. Ha più di 250 gruppi etnici e nazioni, di cui Hausa-Fulani, Yoruba e Igbo sono i gruppi più grandi.

La religione più diffusa è l’Islam, predominante nelle zone settentrionali del paese. Il cristianesimo è diffuso nelle parti meridionali e centrali. La Nigeria ha oltre 500 lingue diverse, le più parlate sono l’inglese (la lingua ufficiale), l’hausa, lo yoruba e l’igbo. Ogni gruppo etnico ha la propria lingua, rendendo la Nigeria un paese linguisticamente molto diversificato.

 

Monumenti UNESCO: 2

 

  1. Sukur (1999) – Oltre al Palazzo Hidi, il paesaggio di Sukur comprende campi terrazzati, i loro simboli sacri e numerosi resti di un’industria del ferro un tempo fiorente.
  2. Osun-Osogbo Sacred Grove (2005) – Boschetto sacro con il patheon della tribù Yuruba.

               

Parchi nazionali: 8

 

  1. Parco nazionale del bacino del Ciad
  2. Parco nazionale di Cross River
  3. Parco Nazionale Gashaka Gumti
  4. Parco Nazionale Kainji
  5. Parco Nazionale Kamuku
  6. Parco Nazionale di Okomu
  7. Vecchio parco nazionale di Oyo
  8. Parco Nazionale Yankari