BRUNEI

Data di creazione : 1 gennaio 1984

Breve storia in ordine cronologico:

VII secolo – A quel tempo, il territorio dell’attuale Brunei era abitato da gruppi etnici malesi e indigeni.

XIV secolo – Viene fondato il Sultanato del Brunei. Il Sultanato del Brunei crebbe gradualmente fino a diventare un potente impero marittimo che controllava parti del Borneo, delle Filippine e di altre aree del sud-est asiatico.

XVI secolo – Il Brunei raggiunse l’apice del suo potere e della sua influenza durante il regno del sultano Bolkiah. Durante questo periodo si diffuse in molte parti del sud-est asiatico e raggiunse il suo apice come potente potenza commerciale e marittima.

XVIII secolo – Il Brunei dovette affrontare il declino e le perdite territoriali a causa della competizione con altre potenze regionali, in particolare Suleiman Jafar di Kutaje.

19° secolo – Il Brunei perde più territorio a causa della colonizzazione da parte degli inglesi del Borneo settentrionale (l’odierna Malesia) e del Sarawak (l’attuale Borneo malese).

1888 – Il Brunei diventa un protettorato britannico. Il sultano mantenne il potere formale, ma il controllo reale del paese spettava agli amministratori britannici.

Nel corso del XX secolo il Brunei si preparò gradualmente all’indipendenza. Il 1° gennaio 1984 fu dichiarata l’indipendenza del Brunei e il sultanato divenne l’attuale monarchia assoluta.

Oggi – Il Brunei di oggi è un paese piccolo ma ricco grazie alla produzione di petrolio e gas naturale. È la monarchia costituzionale del sultano Hassanal Bolkiah, che detiene il potere assoluto nel Paese. Il Brunei ha un elevato tenore di vita ed è uno dei paesi più ricchi del mondo.

 

Abbreviazione internazionale : BRU

 

Valuta : dollaro del Brunei (BND)

Questa valuta è valida esclusivamente nel territorio del Sultanato del Brunei. L’unità del dollaro del Brunei è divisa in 100 centesimi. Le banconote e le monete del dollaro del Brunei hanno denominazioni diverse.

 

Dominio Internet : .bn

 

Prefisso telefonico : +673

 

Fuso orario : GMT +8

 

Geografia :

Il Brunei si trova sulla costa settentrionale dell’isola del Borneo, nel sud-est asiatico. Confina con la Malesia, che la circonda a est, sud-ovest e nord-ovest. Nel nord del paese si trova il Mar Cinese Meridionale. La maggior parte del territorio è coperto da foreste pluviali e pianure che si elevano nell’entroterra fino al Monte Kinabalu, al confine con la Malesia.

Ha diversi fiumi, il più importante dei quali è il fiume Brunei (fiume Brunei), che attraversa la capitale, Bandar Seri Begawan.

La costa del Brunei è ricca di mangrovie e abbondante vita acquatica. Una caratteristica significativa della costa sono le paludi di mangrovie, che fungono da aree ecologiche chiave e rifugi per molte specie di uccelli e pesci. Comprende diversi isolotti più piccoli, compresi gli isolotti adiacenti nel Mar Cinese Meridionale.

 

Vetta più alta : Bukit Pagon 1850 metri sopra il livello del mare.

Questo picco si trova nella catena montuosa Bukit Pagon, che si trova nella parte nord-orientale del Brunei, vicino al confine con la Malesia.

La catena montuosa fa parte della più ampia catena Crocker, che si estende anche sul territorio della Malesia.

 

Clima :

Le temperature medie in Brunei variano da 24°C a 31°C durante tutto l’anno. Le alte temperature sono tipiche e la stagione invernale come la conosciamo nelle regioni più fredde qui non esiste.

Ha un’elevata umidità, che è comune nelle zone tropicali. L’umidità è compresa tra l’80% e il 90%, il che crea una sensazione di calore e condizioni migliori per lo sviluppo della foresta pluviale.

Due principali stagioni delle piogge. La prima stagione delle piogge va da novembre a gennaio, quando arrivano piogge abbondanti e regolari e le inondazioni locali non sono rare. La seconda stagione delle piogge è meno accentuata e dura da maggio a ottobre, con piogge continue, brevi e intense.

È influenzato dai venti monsonici che portano aria umida dal mare. Può anche essere interessato dalle tempeste tropicali e dai cicloni che provengono dall’Oceano Pacifico. Queste tempeste possono causare inondazioni e altre condizioni meteorologiche avverse.

 

Fauna e flora :

Il Brunei ha una vasta foresta pluviale che copre gran parte del paese. Nella foresta si possono trovare molti tipi di alberi, compresi i dipterocarpi caratteristici della regione.

Sulla costa ci sono estese mangrovie che forniscono un habitat importante per molte specie di pesci e uccelli.

È noto per la sua ricca popolazione di orchidee, tra cui alcune specie endemiche. La foresta pluviale ospita anche molte specie di viti e felci che si arrampicano sugli alberi per formare una fitta chioma. L’orango di Sumatra (Pongo abelii) e l’orango del Borneo (Pongo pygmaeus) sono specie di primati endemiche che popolano le foreste pluviali.

È uno degli ultimi posti al mondo in cui si trova il rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis), una specie di rinoceronte in grave pericolo di estinzione.

Qui si trovano varie specie di grandi serpenti, tra cui il pitone e il pitone tigre. Il Brunei ospita una varietà di specie di uccelli, tra cui pappagalli dai colori vivaci, aquile e storni reali.

Molte specie di pesci si possono trovare nei fiumi e nei mari del paese, comprese specie pregiate come il dorado mahimahi.

I coccodrilli d’acqua dolce si trovano in alcune parti dello stato, soprattutto nelle aree di mangrovie.

 

Agricoltura :

Il riso è il prodotto alimentare di base e la principale coltura coltivata. La maggior parte del riso viene coltivato in zone di pianura e risaie che dipendono dall’irrigazione e dalle precipitazioni naturali. Produce una varietà di frutta e verdura, tra cui banane, ananas, agrumi, papaia e altre colture tropicali.

I prodotti a base di cocco come il latte di cocco, l’olio e il cocco grattugiato sono una parte comune della cucina locale.

L’agricoltura del paese comprende anche il bestiame, tra cui bovini, bufali e capre. Anche pollame come polli e anatre vengono allevati per carne e uova.

La produzione di olio di palma è relativamente limitata rispetto ad altri paesi del sud-est asiatico, ma alcune piantagioni si trovano in alcune parti del paese.

 

Estrazione delle materie prime :

Il Brunei ha notevoli riserve di petrolio ed è uno dei principali produttori di petrolio nel sud-est asiatico. La produzione di petrolio e la sua esportazione rappresentano una fonte fondamentale di reddito per il governo del Brunei.

Oltre al petrolio, è anche un importante produttore di gas naturale. L’estrazione e l’esportazione di gas naturale contribuisce all’economia del paese e il gas naturale viene utilizzato per la generazione di elettricità e i processi industriali.

Dispone di abbondanti risorse forestali e il disboscamento è stato storicamente un’industria importante. Tuttavia, la maggior parte del disboscamento è destinata al consumo interno e le esportazioni sono limitate. Vengono estratti anche alcuni minerali non metallici, come il calcare, utilizzato nell’industria del cemento.

Anche la pesca svolge un ruolo importante nell’economia del Brunei, soprattutto nel fornire frutti di mare alla popolazione locale.

 

Industria:

Una delle principali industrie del Brunei è la raffinazione di petrolio e gas. Dispone di moderne raffinerie che trattano il petrolio estratto e il gas naturale e producono una varietà di prodotti petrolchimici, tra cui benzina, diesel e combustibili gassosi.

Ha investito nella produzione di prodotti chimici e petrolchimici. Ciò include la produzione di plastica, fertilizzanti e altri prodotti chimici.

La produzione industriale comprende la produzione di prodotti alimentari, bevande, cemento, materiali da costruzione ed elettronica.

Esistono centrali elettriche che generano elettricità e il gas naturale viene spesso utilizzato come combustibile per queste centrali. L’energia elettrica viene utilizzata per le famiglie, i processi industriali e le infrastrutture.

 

Servizi e altri settori dell’economia : turismo

 

Punti di interesse naturali e storici : Bandar Seri Begawan, Kampong Ayer, Parco naturale Peradayan

Il Brunei offre ai visitatori splendidi scenari naturali, tra cui foreste pluviali, foreste di mangrovie, spiagge e valli fluviali. I parchi nazionali come il Parco Nazionale Ulu Temburong sono luoghi popolari per il trekking e l’ecoturismo.

Ha un ricco patrimonio culturale e storico. I visitatori possono visitare moschee storiche, palazzi reali e musei che mostrano la cultura e la storia del Brunei.

Il paese ha diverse feste e celebrazioni tradizionali che possono attrarre chi è interessato alla cultura. Questi includono, ad esempio, la celebrazione delle festività islamiche come il Ramadan e le festività tradizionali come la celebrazione del compleanno del Sultano.

 

 

Forma di governo : monarchia assoluta

Il sultano del Brunei è il capo dello stato e del governo. Ha potere assoluto sul paese, compreso il potere di nominare membri del governo, decidere sulla politica estera, legiferare e gestire l’agricoltura e la produzione di petrolio e gas, che sono la base dell’economia del Brunei.

Il governo è abbastanza centralizzato e il Sultano è noto per la sua lunga esperienza nel governo. Tuttavia, nonostante la monarchia assoluta, il Brunei dispone di documenti costituzionali, tra cui una costituzione che stabilisce alcuni diritti dei cittadini e alcuni principi fondamentali di governo.

 

Capitale : Bandar Seri Begawan

La città si trova sulla costa settentrionale dell’isola del Borneo, vicino alla costa del Mar Cinese Meridionale.

La città prende il nome dalla madre del Sultano, che giocò un ruolo chiave nella storia del Brunei.

 

Superficie : 5.765 km2

 

Popolazione : 460.000 (2022)

Il Brunei ha una composizione etnica relativamente omogenea, con la maggioranza della popolazione malese, che è anche un gruppo etnico indigeno.

L’Islam è la religione riconosciuta dallo stato ed è la religione principale del paese. La maggior parte della popolazione è musulmana e l’Islam gioca un ruolo di primo piano nella vita quotidiana della popolazione.

La lingua ufficiale è il malese. Anche l’inglese è una lingua ampiamente utilizzata, soprattutto nell’istruzione e nelle transazioni commerciali.

Il paese ha una qualità di vita relativamente elevata con un basso tasso di povertà e un elevato standard abitativo e sanitario per i suoi residenti.

 

Monumenti UNESCO: –

 

Parchi nazionali: 2

 

  1. Parco nazionale Tasek Merimbun
  2. Parco nazionale di Ulu Temburong