MALDIVE

Data di creazione : 26 luglio 1965

Breve storia in ordine cronologico:

Antichità e Medioevo: le Maldive furono abitate in epoca preistorica e divennero un importante crocevia di commerci e culture nell’Oceano Indiano. Dal XII secolo divennero uno stato islamico.

Dominio portoghese: Nel 1558 arrivarono i portoghesi e introdussero la religione cattolica. Il dominio portoghese durò circa 15 anni.

Protettorato britannico: nel 1887, le Maldive divennero un protettorato britannico e furono amministrate da funzionari britannici.

Indipendenza: le Maldive ottennero l’indipendenza il 26 luglio 1965 e divennero una repubblica.

Cambiamenti politici: dall’indipendenza, le Maldive hanno subito diversi cambiamenti politici, tra cui un breve periodo di repubblica guidata dal presidente Mohamed Amin negli anni ’70 e la successiva restaurazione della monarchia.

Il governo del presidente Gayoom: dal 1978 al 2008, le Maldive sono state sotto la guida del presidente Maumoon Abdul Gayoom, che ha plasmato il paese per molti decenni.

Democratizzazione: nel 2008 si sono svolte le prime elezioni democratiche e Mohamed Nasheed è stato eletto presidente. Questo periodo ha comportato una maggiore attenzione alle questioni ambientali e ai cambiamenti climatici.

Instabilità politica: sono seguiti periodi di instabilità politica e cambiamenti nella presidenza, comprese le dimissioni forzate del presidente Nasheed nel 2012.

 

Abbreviazione internazionale a: MV

 

Valuta : Rupia maldiviana (MVR)

Una Rupia Maldiviana è divisa in 100 Laari.

 

Dominio Internet : mv

 

Prefisso telefonico : +960

 

Fuso orario : GMT +5

 

Geografia :

Le Maldive sono famose per i suoi atolli corallini circondati dalle limpide acque blu dell’Oceano Indiano. Gli atolli sono costituiti da barriere coralline e ospitano un’abbondante vita sottomarina.

Delle 1.190 isole e atolli totali, solo circa 200 sono abitate. L’isola principale, su cui si trova la capitale Malé, è anche l’isola più grande.

Le Maldive sono conosciute per la loro ricca vita sottomarina, tra cui coralli, pesci, squali e altre creature marine.

Le Maldive sono minacciate dall’innalzamento del livello del mare a causa dei cambiamenti climatici. A causa della loro bassa elevazione, sono soggetti a inondazioni ed erosione.

 

Vetta più alta: –

Il punto più alto delle Maldive è una collina naturale situata sull’Isola di Villingili (altrimenti conosciuta come Villingili Male), che raggiunge un’altitudine di circa 2,4 metri sul livello del mare. Tuttavia, questo posto è piuttosto un’eccezione e la maggior parte delle isole delle Maldive si trovano appena sopra il livello del mare.

 

Clima:

Le temperature medie sono intorno ai 30°C durante il giorno e 23-25°C durante la notte durante tutto l’anno.

C’è un’elevata umidità durante tutto l’anno, tipica delle zone tropicali. L’umidità può essere significativamente più elevata durante la stagione delle piogge.

Le Maldive hanno due stagioni principali delle piogge. Le piogge monsoniche arrivano in estate, da maggio a ottobre, e portano precipitazioni più abbondanti, soprattutto sull’isola più grande, Malé. La stagione invernale da novembre ad aprile è secca e soleggiata, che è il periodo migliore per visitare in termini meteorologici.

Il Paese si trova in una zona dove possono verificarsi uragani e cicloni, soprattutto durante la stagione delle piogge. Queste tempeste possono avere un forte impatto sulle infrastrutture locali.

 

Fauna e flora :

La parte più importante della flora sono i coralli. Gli atolli corallini formano ecosistemi sottomarini. Diversi tipi di coralli includono coralli molli e duri che creano scene sottomarine mozzafiato.

Gli alberi di cocco sono una parte importante della vita dei residenti locali. Le noci di cocco sono utilizzate nella cucina locale e le loro fibre vengono tradizionalmente trasformate in vari prodotti.

Sulle isole si possono trovare diversi tipi di alberi di mango, papaia, banani e altre piante subtropicali.

La vita sottomarina è abbondante: vari tipi di pesci, tra cui pesci pappagallo, squali, razze e pesci tropicali. Alle Maldive si possono trovare anche diversi tipi di animali corallini come le tartarughe marine e vari invertebrati. Sebbene le Maldive siano per lo più isole coralline, qui si possono vedere alcune specie di uccelli come pellicani, gabbiani e altri uccelli marini.

Le tartarughe marine sono comunemente viste nelle acque costiere.

 

Agricoltura:

Le palme da cocco sono una delle colture principali e svolgono un ruolo importante nell’agricoltura locale. Le noci di cocco sono usate come cibo – sotto forma di olio di cocco, latte di cocco e polpa di cocco. Le palme forniscono anche legno e materiali da costruzione per i residenti locali.

Importante è anche la coltivazione del riso, soprattutto sull’isola più grande, Malé, dove abbondano i terreni destinati all’agricoltura.

Sulle isole viene coltivata una varietà di frutta e verdura, tra cui papaia, banane, asparagi, cetrioli e melanzane (un ortaggio maldiviano).

La pesca svolge un ruolo chiave nell’economia e nella sicurezza alimentare. La pesca è un’occupazione tradizionale per i residenti locali. L’essiccazione del pesce è una procedura comune per conservare il pesce per un periodo di tempo più lungo. In alcune isole si coltivano anche patate dolci, che costituiscono una parte importante della dieta locale.

 

Estrazione delle materie prime:

Sabbia e ghiaia vengono estratte dalle spiagge locali per scopi edilizi, soprattutto sulle isole più grandi come l’isola di Malé. Queste materie prime vengono utilizzate nella costruzione e nell’espansione delle infrastrutture sulle isole. Le palme da cocco sono le principali colture agricole, l’uso delle noci di cocco e di altre parti delle palme da cocco è di importanza economica.

 

Industria:

L’industria è limitata e sottosviluppata rispetto ad altri paesi a causa delle aree agricole limitate e delle condizioni geografiche. Le Maldive dipendono principalmente dall’industria del turismo, che rappresenta una delle principali fonti di reddito. Ci sono diversi porti marittimi e l’industria della navigazione mercantile gioca un ruolo nelle importazioni ed esportazioni agricole.

 

Servizi e altri settori dell’economia: il turismo

 

Punti di interesse naturali e storici: isole coralline e coste

Le Maldive sono conosciute per i suoi bellissimi atolli corallini, che formano un paradiso sottomarino per gli appassionati di immersioni e snorkeling. Qui i visitatori possono scoprire una varietà di vita sottomarina, tra cui coralli, pesci, tartarughe marine e molto altro. Le spiagge di sabbia bianca sono conosciute per la loro bellezza e sono ideali per gli amanti del sole e del relax in riva al mare.

Ci sono molti resort di lusso che offrono sistemazioni, servizi e comfort di prima classe, inclusi bungalow sull’acqua, piscine private e spa.

 

 

Forma di governo: repubblica presidenziale

Il Presidente è il capo dello Stato e del governo, eletto per un mandato di cinque anni nelle elezioni generali.

Il Parlamento, noto come Majlis, è un organo legislativo bicamerale. È composto da 87 membri della Camera bassa (Majlis popolare) e 48 membri della Camera alta (Rada). I membri del Majlis sono eletti dai cittadini delle Maldive.

Il paese ha un sistema giudiziario indipendente che comprende la Corte Suprema, che è la più alta corte del paese, e altre istanze giudiziarie. I tribunali hanno il compito di esercitare il potere giudiziario e di tutelare la legge. Le Maldive sono divise in diverse unità amministrative di atolli, che dispongono di autonomia per quanto riguarda le questioni di interesse locale.

 

Capitale : Malé

Malé si trova sull’isola di Male, che fa parte dell’atollo di Male Sud.

La città è anche il centro degli eventi culturali delle Maldive. Ospita un museo, gallerie d’arte e monumenti storici che catturano la ricca storia e cultura del paese.

 

Superficie: 298 km2

 

Popolazione: 580.000 (2022)

Il principale gruppo etnico sono i Maldiviani, che costituiscono la maggioranza della popolazione. Ci sono anche minoranze come la comunità Sindhi e persone provenienti da altri paesi asiatici che sono venute a lavorare nel settore del turismo.

L’Islam è la religione di stato e gioca un ruolo di primo piano nella vita degli abitanti. La maggioranza dei maldiviani sono musulmani, le tradizioni islamiche sono profondamente radicate nella loro cultura e nella loro vita quotidiana.

La lingua maldiviana, conosciuta come Dhivehi, è la lingua ufficiale e viene utilizzata nei documenti governativi e nella comunicazione tra la gente del posto. Tuttavia, l’inglese è ampiamente parlato, soprattutto nel settore del turismo.

 

Monumenti UNESCO: –

 

 

Parchi nazionali: –