MONGOLIA

Data di creazione : 11 luglio 1921

Breve storia in ordine cronologico:

1206: Costituzione ufficiale dell’Impero Mongolo sotto il dominio di Gengis Khan.

XIV secolo: l’impero mongolo divenne il più grande impero conquistatore della storia, estendendosi su territori dall’Asia orientale all’Europa.

XVII secolo: dopo la morte dei successori di Gengis Khan, la Mongolia si disintegra in diversi khanati dell’Asia centrale.

XVIII secolo: l’emergere del Khanato Dzungar e del Khanato Ming.

19° secolo: la Mongolia era sotto il dominio cinese e veniva chiamata Mongolia Esterna.

1911: Dichiarazione di indipendenza della Mongolia Esterna dall’Impero Cinese.

1921: invasione sovietica della Mongolia Esterna; fondazione della Repubblica popolare mongola.

1939: Battaglia di Chalchyn Gol tra Mongolia e Giappone.

1945: la Mongolia riceve il riconoscimento internazionale alle conferenze di Yalta e Potsdam.

1992: transizione alla democrazia e all’economia di mercato; cambio di nome ufficiale in Mongolia.

 

Abbreviazione internazionale : MGL

 

Valuta : Tugrik mongolo (MNT)

Tugrik è diviso in unità più piccole chiamate “möngö” e “tögrög”.

La Banca Centrale della Mongolia è responsabile dell’emissione e della regolamentazione di questa valuta.

 

Dominio Internet : .mn

 

Prefisso telefonico : +976

 

Fuso orario : GMT +7 e +8

 

Geografia :

La Mongolia si trova ad est dell’Asia centrale. Confina a nord con la Russia e a sud, est e ovest con la Cina.

Ha un terreno diversificato che comprende montagne, deserti e steppe. Nel sud e nell’ovest del paese si trovano i Monti Altai e i Monti Tre Cime, dove si trovano le vette più alte della Mongolia.

Il Gobi è un famoso deserto situato nel sud. È uno dei deserti freddi più grandi del mondo ed è caratterizzato da terreno roccioso, dune e sbalzi termici estremi.

Gran parte di esso è coperto da paesaggi steppici, vaste pianure erbose che ospitano pastori nomadi e le loro mandrie.

La Mongolia ha diversi fiumi, il più grande dei quali è il Seleng, che scorre a sud dalla Russia nel Lago Baikal. Il paese ha anche diversi laghi salati, tra cui il lago Uvs Nuur.

 

Vetta più alta : Chujtnij orgil 4374 metri sopra il livello del mare.

Si trova sui monti Altai nella parte occidentale del paese e fa parte del confine tra Mongolia, Russia e Cina.

Chüyten è il punto più alto della Mongolia ed è una delle vette più importanti dei Monti Altai.

 

Clima :

Gli inverni in Mongolia sono lunghi, freddi e secchi. Le temperature possono scendere sotto i -40°C, soprattutto nelle campagne. La neve copre gran parte del paese.

Le estati sono calde e secche, con temperature che possono superare i 30°C. In estate, l’attività delle precipitazioni è limitata, il che può portare a siccità e condizioni di zone aride.

Il paese è noto per le sue estreme differenze di temperatura tra il giorno e la notte, nonché tra i mesi estivi e quelli invernali.

La parte meridionale, compreso il deserto del Gobi, ha un clima desertico. Ciò significa che è secco e ha una grande differenza tra le temperature diurne e notturne.

Nei Monti Altai, nella parte occidentale del paese, il clima è più alpino, con estati fresche e neve per gran parte dell’anno.

Il paese è esposto al clima ventoso, soprattutto nei mesi invernali quando possono verificarsi forti venti e tempeste di neve.

 

Fauna e flora :

Le steppe mongole ospitano una varietà di specie di mammiferi, tra cui gazzelle, stambecchi, camosci, renne e cavalli selvatici di Przewalski.

I laghi ospitano numerose specie di uccelli acquatici come fenicotteri, anatre e gabbiani. La steppa e le montagne ospitano rapaci, tra cui aquile delle steppe, falchi e aquile reali. I lupi abitano le steppe e i deserti. Nel nord, vicino al confine con la Russia, si trovano branchi di bisonti europei.

Le steppe sono ricoperte da vari tipi di vegetazione steppica secca come erbe, arbusti e fiori adattati alla mancanza di umidità.

Nel deserto del Gobi si possono trovare piante resistenti alla siccità, come cespugli spinosi e specie succulente.

I Monti Altai hanno vegetazione alpina, compresi prati e foreste di montagna. In alcune zone della steppa crescono alberi come il larice siberiano e il salice.

 

Agricoltura :

Le colture principali sono i cereali: orzo, frumento, miglio e avena.

La pastorizia e l’allevamento del bestiame svolgono un ruolo chiave nell’agricoltura mongola. I nomadi mongoli allevano capre, pecore, bovini e cavalli, essenziali per la produzione di carne, latte, lana e cuoio. I bovini sono anche una fonte importante per la cucina tradizionale mongola.

La maggior parte dei pastori mongoli pratica uno stile di vita nomade tradizionale, spostandosi con il proprio bestiame verso pascoli diversi durante le diverse stagioni.

Il paese si trova ad affrontare condizioni ricorrenti di siccità e clima estremo, che possono avere un impatto negativo sui raccolti e sul bestiame.

 

Estrazione delle materie prime :

La Mongolia è uno dei maggiori esportatori mondiali di carbone, principalmente lignite, che si trova nella parte meridionale del paese, compreso il deserto del Gobi.

Ha importanti riserve di rame nelle formazioni rocciose nel sud del paese. L’oro viene estratto in varie parti, compresi i Monti Altai a ovest.

Esistono anche notevoli riserve di piombo e zinco, che vengono estratti principalmente nelle regioni meridionali. Il paese è uno dei maggiori produttori mondiali di fluorite, utilizzata nell’industria chimica. Molibdeno e tungsteno, questi metalli hanno usi in varie applicazioni industriali. Il paese ha un certo potenziale in termini di giacimenti di petrolio e gas.

 

Industria :

L’estrazione di carbone, rame e oro svolge un ruolo significativo nell’industria mongola. La Mongolia è nota per le sue ricche risorse naturali, l’estrazione di materie prime apporta importanti entrate al bilancio statale. La produzione di alimenti, in particolare di latticini, è un importante ramo dell’industria. La cucina tradizionale mongola comprende latticini, la lavorazione del latte e della carne è fondamentale per l’industria alimentare.

La crescente urbanizzazione sta portando allo sviluppo del settore edile, soprattutto nelle grandi città come Ulan Bator. La costruzione di nuovi condomini, centri commerciali e infrastrutture è un settore importante. Il paese ha risorse forestali limitate, l’industria della lavorazione del legno produce mobili, materiali da costruzione e altri prodotti in legno.

 

Servizi e altri settori dell’economia : –

 

Punti di interesse naturali e storici : valle dell’Orkhon, montagna Burchan Chaldun, bacino di Uvsunur, deserto del Gobi

La Mongolia è nota per il suo paesaggio incontaminato e diversificato. I visitatori possono esplorare il deserto del Gobi, i monti Altai, le steppe e i laghi.

Il paese è uno dei pochi paesi al mondo in cui è possibile sperimentare il tradizionale stile di vita nomade. I turisti possono dormire nelle yurte, osservare la migrazione dei pastori con le mandrie di bestiame e partecipare alle tradizionali attività mongole.

La cultura è ricca e affascinante. I visitatori possono assistere a festival tradizionali come Naadam, che comprende corse di cavalli, tiro con l’arco e lotta. Anche la musica, la danza e l’arte sono una parte importante della cultura. Monumenti archeologici e storici associati alla storia di Gengis Khan e dell’Impero Mongolo. Il sito archeologico di Karakorum, l’antica capitale dell’impero, è un luogo attraente per i turisti attenti alla storia.

 

 

Forma di governo : repubblica parlamentare

L’organo principale del potere statale in Mongolia è la Grande Chural popolare, che è un parlamento unicamerale. Il Churál è composto da 76 deputati eletti per un mandato di cinque anni. Il Parlamento ha il potere di emanare leggi, approvare il bilancio nazionale ed esercitare il controllo sul ramo esecutivo.

Il potere esecutivo è rappresentato dal presidente, eletto per un mandato di quattro anni tramite elezione diretta. Il presidente ha il potere di nominare il primo ministro e di guidare la politica estera del paese. Il governo è composto dal Gabinetto dei Ministri, i cui membri sono nominati dal Primo Ministro.

 

Capitale : Ulan Bator

Si trova nella Mongolia centrale, sul fiume Tuul, in una valle tra i monti Bogd Khan Uul a sud e i monti Chentii a nord.

La città si trova a circa 1.350 metri sul livello del mare e ha un clima continentale rigido con inverni freddi ed estati calde.

 

Superficie : 1.564.000 km2

 

Popolazione : 3.230.000 (2022)

Il paese ha una bassa densità di popolazione, la maggior parte della popolazione vive in una stretta fascia nel sud del paese. La maggior parte del paese rimane scarsamente popolata.

Il gruppo etnico principale è quello dei Mongoli, che costituiscono la maggioranza della popolazione. Oltre a loro, nel paese vivono minoranze come kazaki, russi, dungani, buriati e altri.

La lingua ufficiale è il mongolo, che ha una scrittura cirillica e tradizionale. In alcune regioni si parlano anche altre lingue come il kazako o il russo.

La religione tradizionale è il buddismo tibetano, che ha profonde radici nella cultura mongola. Inoltre nel paese si trovano seguaci dell’Islam, soprattutto tra la popolazione kazaka, e varie forme di sciamanesimo.

 

Monumenti UNESCO: 6

 

  1. Bacino di Uvsunur (2003) – Un’area naturale in Mongolia che comprende il lago Uvs Nuur e la steppa circostante e i paesaggi desertici.”
  2. Paesaggio culturale della valle dell’Orkhon (2004) – La valle dell’Orkhon è una regione storica e culturale della Mongolia, nota per i suoi resti archeologici e i petroglifi. Qui si trova anche la tomba dell’Uighur Khan.
  3. Complesso di petroglifi nell’Altai mongolo (2011) – Situato sui monti Altai della Mongolia, questo complesso di petroglifi contiene magnifiche incisioni su pietra e disegni risalenti a migliaia di anni fa che mostrano la storia culturale e religiosa della zona.
  4. Burchan Chaldun Mountain e il paesaggio sacro circostante (2015) – Una montagna sacra in Mongolia che ha un grande significato nella mitologia e nella storia mongola. Questa località comprende anche il paesaggio circostante ed è un luogo importante per i riti religiosi.
  5. Daurie Landscapes (2017) – Vaste praterie e steppe in Cina e Mongolia che ospitano la pastorizia tradizionale e preservano lo stile di vita tradizionale delle comunità locali.
  6. Monumenti in pietra di cervo e siti correlati dell’età del bronzo (2023) – Situato in Mongolia, questo sito contiene resti archeologici dell’età del bronzo e monumenti in pietra, comprese pietre di cervo e altri reperti archeologici, che forniscono importanti informazioni sulla storia e la cultura dell’area.

                

Parchi nazionali: 29

 

  1. Parco nazionale dell’Altai Tavan Bogd
  2. Parco Nazionale del Gobi Gurvansaikhan
  3. Parco nazionale Gorkhi-Terelj
  4. Parco Nazionale Khustain Nuruu
  5. Parco nazionale del lago Khövsgöl
  6. Parco Nazionale Khyargas Nuur
  7. Parco Nazionale Tarvagatai Nuruu
  8. Parco Nazionale Tsambagarav Uul
  9. Parco nazionale Bulgan Gol-Ikh Ongog
  10. Parco Nazionale Chigertein Golin Ai Sav
  11. Parco nazionale di Dariganga
  12. Parco Nazionale Har Us Nuur
  13. Parco nazionale Ikh Bogd Uul
  14. Parco Nazionale Khangai Nuruu
  15. Parco nazionale dei monti Khan-Khokhi Khyargas
  16. Parco nazionale Khorgo-Terkhiin Tsagaan Nuur
  17. Parco nazionale mongolo Els
  18. Parco nazionale di Munkhkhairkhan
  19. Parco nazionale del Myanmar-Ugalzat
  20. Parco nazionale Noyon Khangai
  21. Parco nazionale Onon-Balj
  22. Parco nazionale della valle dell’Orkhon
  23. Parco nazionale Siilxem Nuruu
  24. Parco nazionale Tengis-Shishged
  25. Parco Nazionale Tujiin Nars
  26. Parco Nazionale Ulaagchini Khar Nuur
  27. Parco Nazionale Undurkhaan Uul
  28. Parco Nazionale Khugnu-Tarna
  29. Parco nazionale Zag Baidragiin Goliin Ekhen Sav