UZBEKISTAN

Data di creazione : 1 settembre 1991

Breve storia in ordine cronologico:

Dominio mongolo: nel XIII secolo il territorio fu conquistato dai mongoli e divenne parte dell’impero di Gengis Khan.

Impero di Timur: nei secoli XIV e XV, il territorio era governato da Tamerlano (Timur), che creò un potente impero con capitale a Samarcanda.

Territorio turco e uzbeko: nel XVI secolo, gli imperi ottomano e safavide iniziarono a combattere per il controllo del territorio. A quel tempo, gli uzbeki iniziarono a trasferirsi qui e fondarono numerosi khanati ed emirati.

Khanato di Kokand ed Emirato di Bukhara: nei secoli XVIII e XIX, la maggior parte del territorio dell’Uzbekistan era diviso tra il Khanato di Kokand e l’Emirato di Bukhara, che dipendevano dall’Impero Ottomano e dall’Impero russo.

Espansione russa: nel 19° secolo, l’impero russo iniziò ad espandersi nell’Asia centrale e gradualmente prese il controllo del territorio dell’attuale Uzbekistan.

Era sovietica: dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917, il territorio dell’Uzbekistan fu incorporato nell’Unione Sovietica come SSR dell’Uzbekistan. Durante l’era sovietica ebbe luogo l’industrializzazione e la collettivizzazione dell’agricoltura.

Indipendenza: il 1 settembre 1991, l’Uzbekistan ha dichiarato l’indipendenza dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Islom Karimov è diventato il primo presidente del paese.

 

Abbreviazione internazionale : UZ

 

Valuta : somma uzbeka (UZS)

La somma è divisa in unità più piccole chiamate tiyin. Tuttavia, Tiyin è poco utilizzato e spesso non preso in considerazione nelle transazioni quotidiane. Le valute estere comunemente utilizzate per le transazioni internazionali includono il dollaro statunitense (USD) e l’euro (EUR).

La somma uzbeka ha attraversato un periodo di elevata inflazione e ha subito più volte riforme valutarie.

 

Dominio Internet : .uz

 

Prefisso telefonico : +998

 

Fuso orario : GMT +5

 

Geografia :

Gran parte dell’Uzbekistan si trova nel deserto del Kyzylkum, nel nord del paese. Questo deserto è uno dei più grandi deserti di sabbia dell’Asia centrale.

A sud-est si trovano i Monti Tien Shan, alte montagne che comprendono alcune delle vette più alte del paese. La vetta più alta è il monte Chváštara con un’altitudine che supera i 4.600 metri sul livello del mare. Nelle valli dei fiumi come il Syr Darya (Syr Darya) e l’Amu Darya (Amu Darya) ci sono delle oasi.

In passato, il Lago d’Aral era il quarto lago d’acqua dolce più grande del mondo. Tuttavia, a causa del drenaggio per scopi agricoli, si è ridotto drasticamente e si è diviso in due laghi più piccoli (Aral Nord e Aral Sud). Nel nord dell’Uzbekistan si trovano le montagne del Caucaso, che separano il paese dal Kazakistan.

 

Vetta più alta : Khazret Sultan 4.643 m sul livello del mare.

Khazret Sultan o Khazret Sultan è una montagna sulla cresta Hissar nella parte occidentale del Pamir-Alay in Asia centrale. Si trova al confine di stato tra Uzbekistan e Tagikistan.

 

Clima :

Gran parte dell’Uzbekistan settentrionale è costituito dal deserto del Kyzylkum, che ha un clima desertico secco. Le temperature estive possono superare i 40 °C (104 °F), mentre in inverno possono scendere sotto lo zero. Le zone interne hanno un clima continentale con notevoli differenze di temperatura tra estate e inverno. L’estate è calda e secca, mentre l’inverno può essere molto freddo.

La parte sud-occidentale, dove si trovano i Monti Tianshan, ha un clima montuoso.

Le oasi nelle valli fluviali come Syr Darya (Syr Darya) e Amu Darya (Amu Darya) hanno un clima più mite rispetto alle aree desertiche.

In alcune aree i venti e la siccità sono comuni e possono avere ripercussioni sull’agricoltura e sull’accesso all’acqua.

 

Fauna e flora:

Il Saxaul è un albero tipico delle regioni desertiche dell’Uzbekistan. Questo albero è resistente alla siccità e alle alte temperature, svolge un ruolo importante nell’ecosistema desertico.

Gli alberi di acacia resistenti alla siccità crescono nelle aree desertiche. Nelle montagne Tianshan si trova il cedro del Pamir, un tipo di albero che raggiunge una grande età ed è protetto come specie rara. Le antilopi Saiga, una specie in via di estinzione, vivono nel deserto del Kyzylkum. Le pecore Karakul vengono allevate per la loro pelle e la loro carne.

Korsak è una specie di volpe che vive nelle regioni desertiche e steppiche. Il paese è un importante scalo per gli uccelli migratori che viaggiano tra Europa e Asia.

Nelle zone desertiche e aride abbondano serpenti e lucertole. Alcune specie sono velenose.

 

Agricoltura :

L’Uzbekistan è uno dei maggiori produttori di cotone al mondo. La coltivazione del cotone ha una lunga storia, in passato era sostenuta dal regime sovietico. In passato sono stati segnalati problemi associati al lavoro forzato nelle piantagioni di cotone. Oltre al cotone, nel paese si coltivano cereali come grano, orzo e riso. Frutta, verdura e uva vengono coltivate nelle oasi e nelle valli fluviali.

L’allevamento del bestiame è un’industria tradizionale, soprattutto nelle zone montane.

 

Estrazione delle materie prime :

L’Uzbekistan è uno dei principali produttori di oro dell’Asia centrale. L’estrazione dell’oro viene effettuata in varie aree del paese, incluso il nord dell’Uzbekistan nella regione di Navoiy.

Il paese dispone di importanti riserve di uranio, una materia prima importante per l’energia nucleare. L’estrazione dell’uranio avviene nella regione di Navoiy.

Il rame viene estratto in diversi luoghi, sia in superficie che nel sottosuolo. Il rame è un’importante materia prima per la metallurgia e la produzione elettronica.

Lo zircone viene estratto in alcune aree. Lo stato dispone di riserve di fosfati, importanti per la produzione di fertilizzanti. In Uzbekistan si trovano vari tipi di minerali, inclusi minerale di ferro e metalli preziosi. Oltre allo zircone, qui vengono estratte anche altre gemme come granati e smeraldi.

 

Industria:

L’industria tessile è uno dei rami principali dell’industria. Il paese è noto per la coltivazione del cotone e la lavorazione di prodotti tessili come tessuti, vestiti e coperte.

L’industria petrolchimica è specializzata nella lavorazione del petrolio greggio e nella produzione di vari prodotti petrolchimici, tra cui benzina, diesel, plastica e prodotti chimici.

La metallurgia e la metallurgia comportano la lavorazione di metalli come acciaio e rame. Questi settori sono importanti per la produzione di materiali da costruzione e prodotti industriali.

L’industria alimentare comprende la lavorazione di alimenti come latticini, carne, cereali e frutta.

Grazie allo sviluppo delle infrastrutture nel paese, il settore edile e la produzione di materiali da costruzione sono un settore in forte espansione. Vengono costruite nuove strade, ponti, edifici e altre infrastrutture.

 

Servizi e altri settori dell’economia : turismo, trasporti

 

Punti di interesse naturali e storici : le città di Samarcanda, Bukhara, il deserto del Kyzylkum, l’oasi di Khiva, Shakhrizabzy, i monti Tianshan

L’Uzbekistan ha diverse città storiche. Tra le più famose ci sono Samarcanda, Bukhara e Khiva. Queste città sono conosciute per la loro architettura, moschee, mausolei e mercati.

Il paese è pieno di monumenti storici e manufatti risalenti ai tempi delle culture antiche, tra cui il monumento a Shakhi Zinda, Registán, la cittadella di Bukhara e molti altri.

Offre diversi scenari naturali, dalle zone montuose ai paesaggi desertici. Il paese ospita vari festival ed eventi culturali durante tutto l’anno che includono musica, danze e artigianato tradizionali.

La cucina uzbeka è varia e offre piatti deliziosi come pilaf, shashlik, lagman e molti altri.

 

 

Forma di governo : presidenziale

Il presidente dell’Uzbekistan è il capo dello stato e detiene anche il potere esecutivo. È eletto a suffragio universale, ma le elezioni del Paese sono spesso criticate per la mancanza di un’autentica competizione politica e di un pluralismo.

Il potere legislativo è esercitato da un parlamento unicamerale noto come Oliy Majlis, composto da 150 membri eletti per un mandato di cinque anni. Il Parlamento in realtà ha un potere limitato ed è spesso visto come uno strumento per confermare le decisioni del presidente.

Il paese ha un sistema monopartitico in cui il partito politico dominante è il Partito Democratico Popolare dell’Uzbekistan (UzLiDeP), che sostiene le politiche del presidente.

 

Capitale : Taskent

La città si trova in una valle tra i monti Tsan-Shan a est e il deserto del Kyzylkum a ovest.

Tashkent ha una ricca storia che risale ai tempi antichi. In passato la città era un importante centro commerciale sulla Via della Seta, il che ha contribuito alla sua ricchezza culturale.

 

Superficie : 448.978 km2

 

Popolazione : 36.000.000 (2022)

Il gruppo etnico più numeroso è quello degli uzbeki, che costituiscono la maggioranza della popolazione. Altri gruppi includono russi, tagiki, kazaki, karakalpaki, kirghisi, tartari e altre minoranze.

L’Islam è la religione dominante, principalmente sotto forma di Islam sunnita. Il paese ha una ricca tradizione religiosa, molte moschee storiche e luoghi santi. Oltre all’Islam, in Uzbekistan vivono anche un numero minore di cristiani, ebrei e altre comunità religiose.

La lingua ufficiale è l’uzbeko, utilizzata nella vita pubblica, nell’istruzione e nei media. Il russo è da tempo una seconda lingua ed è ancora diffuso, soprattutto tra le generazioni più anziane e nel campo dell’istruzione. In alcune regioni si parlano anche altre lingue come il tagico o il karakalpak.

Lo stato ha l’istruzione primaria e secondaria obbligatoria, l’alfabetizzazione nel paese è relativamente alta. L’istruzione superiore è disponibile in diverse università e college.

 

Monumenti UNESCO: 7

 

  1. Ichan Kala (1990) – Storica città fortificata a Khiva, Uzbekistan.
  2. Centro storico di Bukhara (1993) – Il centro antico della città di Bukhara, con numerosi edifici storici.
  3. Centro storico di Šachrizabz (2000) – Il centro antico della città di Šachrizabz, città natale di Tamerlano.
  4. Samarcanda – Crocevia di culture (2001) – La città di Samarcanda in Uzbekistan, che fungeva da importante crocevia di commercio e cultura.
  5. Tien Shan occidentale (2016) – Riserva naturale in Kirghizistan, comprende le bellissime montagne del Tien Shan occidentale.
  6. Vie della Seta: Corridoio Zarafshan-Karakum (2023) – Parte della storica Via della Seta in Uzbekistan che collega Zarafshan e Karakum.
  7. Cold Winter Deserts of Turan (2023) – Una vasta regione desertica al confine tra Kazakistan e Uzbekistan, che ospita molte specie rare di animali e piante.

 

Parchi nazionali: 4

 

  1. Parco Nazionale Zaamin
  2. Parco nazionale di Tashkent
  3. Parco nazionale Ugam-Chatkal
  4. Parco nazionale di Khorzem