KIRIBATI

Data di creazione : 12 luglio 1979

Breve storia in ordine cronologico:

Insediamento indigeno: le isole che compongono oggi Kiribati erano abitate da tribù indigene polinesiane e micronesiane diverse migliaia di anni fa.

Arrivo degli europei: le isole furono registrate per la prima volta dagli esploratori europei nel XVIII secolo. Il primo europeo a sbarcare su queste isole fu il capitano britannico John Marshall nel 1788.

Colonizzazione: nel 19° secolo, diverse potenze europee tentarono di dominare Kiribati grazie alla sua posizione strategica e alle sue risorse, come le piantagioni di cocco. Le isole furono divise tra Gran Bretagna e Francia. Le Isole Gilbert furono dichiarate protettorato britannico.

Seconda guerra mondiale: durante la seconda guerra mondiale, parti di Kiribati furono occupate dalle truppe giapponesi.

Indipendenza: nel 1979, le Isole Gilbert, che oggi costituiscono la maggior parte delle Kiribati, ottennero l’indipendenza dal Regno Unito e divennero una repubblica indipendente.

Cambiamenti climatici: le isole sono molto basse e sono a rischio di inondazione del mare.

 

Abbreviazione internazionale : KIR

 

Valuta : dollaro australiano (AUD)

Il paese non ha una propria valuta nazionale, il dollaro australiano funge da valuta ufficiale.

Il dollaro australiano è una valuta diffusa e stabile in tutta la regione del Pacifico.

 

Dominio Internet : .ki

 

Prefisso telefonico : +686

 

Fuso orario : GMT da +12 a +14

 

Geografia :

Kiribati è composta da tre gruppi principali di isole: le Isole Line a nord-est, le Isole Gilbert al centro e le Isole Phoenix a ovest. Queste isole sono costituite da barriere coralline, lagune e isole basse.

Tarawa è l’isola principale e più grande di Kiribati. Si trova nella parte centrale delle Isole Gilbert e su di essa si trova la capitale del Sud Tarawa. L’isola è la più popolata e urbanizzata.

Il paese è uno dei paesi più minacciati al mondo a causa dell’innalzamento del livello del mare. La maggior parte delle isole ha un’altitudine media di pochi metri sopra il livello del mare.

 

Vetta più alta : 81 m sul livello del mare

Kiribati è uno stato atollo basso costituito da una serie di isole coralline e non ha altopiani o montagne significativi. Quindi qui non esiste un picco più alto tradizionale o prominente.

 

Clima :

Kiribati ha un clima caldo tutto l’anno. Le temperature medie variano dai 28°C ai 32°C. Non ci sono variazioni stagionali significative della temperatura.

Ha un’elevata umidità dell’aria, tipica delle regioni tropicali. L’umidità può essere molto elevata durante la stagione delle piogge (da novembre ad aprile).

Il clima ha due stagioni principali: la stagione delle piogge e la stagione secca. La stagione delle piogge va da novembre ad aprile, quando sono frequenti le piogge e i temporali. La stagione secca va da maggio a ottobre, quando le precipitazioni sono molto minori.

 

Fauna e flora :

Kiribati è circondata da ricchi ecosistemi marini. Ci sono molti tipi di pesci, coralli e animali marini intorno alle isole. Questo ambiente marino è un luogo popolare per le immersioni e lo snorkeling.

Alcune isole, come le Isole della Fenice, sono importanti siti di nidificazione per gli uccelli.

Sulle spiagge si possono spesso vedere granchi e tartarughe marine. Le tartarughe marine, in particolare le tartarughe verdi, vengono sulla costa di Kiribati per deporre le uova.

Le palme da cocco sono abbondanti in tutto lo stato. Sono un’importante fonte di cibo per i residenti locali.

I pandan sono un’importante fonte di cibo, i loro frutti e le foglie sono tradizionalmente utilizzati nella cucina locale.

Qui crescono vari tipi di piante tropicali, tra cui alberi di mango, papaya, taro e altri. Queste piante svolgono un ruolo chiave nell’agricoltura locale e nelle abitudini alimentari.

 

Agricoltura :

Le palme da cocco sono una delle colture agricole più importanti. Le noci di cocco vengono utilizzate per produrre olio di cocco, che costituisce un’importante fonte alimentare e anche una materia prima per la produzione locale di saponi e prodotti cosmetici.

Il taro è una radice ed è un alimento base popolare, utilizzato per preparare una varietà di piatti, incluso il porridge.

Qui la pesca è essenziale, soprattutto nelle isole più piccole e disabitate. I pescatori locali catturano vari tipi di pesci, crostacei e animali marini, che costituiscono un’importante fonte di cibo.

 

Estrazione delle materie prime :

L’estrazione delle materie prime è limitata e trascurabile rispetto ad altri paesi.

Il paese ha isole basse costituite da barriere coralline e non hanno depositi significativi di materie prime.

La Terra dipende maggiormente dalle sue risorse naturali come la vita marina e i frutti dell’agricoltura.

 

Industria :

L’industria a Kiribati è piccola e limitata.

Una delle industrie principali è la lavorazione della copra. Le noci di cocco sono la materia prima di base per la produzione dell’olio di cocco. I prodotti a base di olio di cocco come saponi e cosmetici sono prodotti sia per il mercato interno che per l’esportazione.

In connessione con la crescita della popolazione e dell’industria turistica, c’è lo sviluppo dell’edilizia e delle infrastrutture.

 

Servizi e altri settori dell’economia : servizi, turismo, trasporti marittimi

 

Punti di interesse naturali e storici : Tarawa, Bairiki, Marakei, Isole Phoenix, barriere coralline, spiagge

A Kiribati il ​​turismo gioca un ruolo sempre più importante nell’economia e nello sviluppo del Paese.

Il paese offre un’esperienza unica di bellezza naturale. In alcune isole potrete scoprire spiagge incontaminate, mondi sottomarini con una ricca vita marina e tramonti indimenticabili.

Con le sue barriere coralline e le acque limpide, il paese è ideale per le immersioni e lo snorkeling. Puoi osservare una varietà di coralli, pesci e animali marini.

Ha una ricca cultura e costumi tradizionali. I turisti possono visitare villaggi tradizionali, partecipare alle feste locali e conoscere lo stile di vita locale.

Possono praticare varie attività acquatiche come nuoto, pesca, surf e kayak.

 

 

Forma di governo : repubblica parlamentare

Il governo di Kiribati opera secondo una costituzione adottata nel 1979 quando il paese ottenne l’indipendenza dal Regno Unito.

Le principali istituzioni del potere statale a Kiribati sono il Presidente, che è il capo dello stato, e l’Assemblea parlamentare, conosciuta come Maneaba ni Maungatabu. L’Assemblea parlamentare è composta da due camere: Te Beretitenti (Camera del popolo) e Te Rauks (Camera dei capi).

Kiribati ha un sistema tradizionale di capi che svolgono un ruolo significativo nella governance e nella cultura locale. Queste due componenti – il moderno sistema repubblicano e il tradizionale sistema di capotribù – coesistono fianco a fianco per formare la complessa struttura di amministrazione e governo a Kiribati.

 

Capitale : Tarawa Sud

South Tarawa funge da centro principale e capitale di Kiribati. La capitale si chiama South Tarawa e ospita il governo, il palazzo presidenziale, i ministeri e altre istituzioni statali. South Tarawa è anche il centro economico e commerciale di Kiribati.

 

Superficie : 811 km2

 

Popolazione : 120.000 (2022)

La popolazione di Kiribati è etnicamente gilbertese e parla la lingua gilbertese. La maggioranza della popolazione è cristiana, essendo il cristianesimo la religione principale del paese.

La popolazione di Kiribati deve affrontare una serie di sfide, tra cui il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare, che minacciano le loro isole basse. Il governo di Kiribati sta cercando di trovare una soluzione per proteggere il proprio territorio e garantire un futuro alla sua popolazione.

 

Monumenti UNESCO: 1

 

  1. Area protetta delle Isole Phoenix (2010) – La più grande riserva marina del mondo. È un gruppo di numerose barriere coralline e isole circolari.               

 

Parchi nazionali: –