BELGIO

 Data di creazione: 4 ottobre 1830

Breve storia in ordine cronologico:

1384 – Formazione del Ducato di Borgogna

1477 – Matrimonio di Maria di Borgogna con Massimiliano I d’Asburgo

1555 – Filippo II. Lo spagnolo diventa il sovrano delle province olandesi

1566 – Scoppio di controversie religiose e iconoclastia

1568 – Insurrezione del movimento di liberazione contro il dominio spagnolo

1579 – Fondazione dell’Unione di Utrecht

1581 – Dichiarazione d’indipendenza delle province olandesi

1648 – Conclusione della pace di Vestfalia, con la quale ottiene l’indipendenza dalla Spagna

1794 – Occupazione da parte dell’esercito rivoluzionario francese e annessione del Belgio come parte della Francia

1815 – Formazione del Regno dei Paesi Bassi, di cui fa parte il Belgio

1830 – I nazionalisti belgi dichiarano l’indipendenza e viene formato il Belgio

1839 – Firma del trattato di Londra, con il quale il Belgio viene riconosciuto a livello internazionale

1914-1918 – Prima guerra mondiale, il Belgio era un rifugio di guerra

1940-1945 – Occupazione da parte della Germania durante la Seconda Guerra Mondiale

1957 – Il Belgio diventa membro fondatore della Comunità economica europea (CEE)

1993 – Creazione del Belgio come stato federale con tre comunità e tre regioni.

 

Abbreviazione internazionale: B

 

Valuta: Euro (EUR)

L’euro é stato introdotto in Belgio nel 2002, in sostituzione del franco belga. Un euro é diviso in 100 centesimi.

Dominio internet: .be

 

Prefisso telefonico: +32

 

Geografia:

Il Belgio si trova nell’Europa occidentale e confina a nord con i Paesi Bassi, a est con la Germania, a sud-est con il Lussemburgo e a sud-ovest con la Francia. La costa del Belgio si trova sulla costa nordoccidentale dell’Europa, sul Mare del Nord.

Il paese è diviso in tre regioni: le Fiandre a nord, la Vallonia a sud e la capitale Bruxelles, che ha uno status regionale separato.

Il paese è generalmente abbastanza pianeggiante con alcune colline e catene montuose più piccole come le Ardenne a sud-est e le montagne del Kempenland a nord-est.

Il Belgio dispone di infrastrutture di trasporto sviluppate, compresi collegamenti ferroviari ad alta velocità e strade che collegano il paese con i paesi circostanti. I fiumi belgi come la Schelda e la Mosa sono importanti per l’economia del paese.

 

Cima piú alta: Signal de Botrange 694 metri sul livello del mare.

La vetta del Signal de Botrange fa parte dell’area paesaggistica protetta Hautes Fagnes – Eifel. Si trova nelle montagne delle Ardenne.

La zona è nota per le sue torbiere, che coprono gran parte della contea. La torbiera è caratterizzata da un elevato contenuto di acido e presenta flora e fauna specifiche come l’erica e il fagiano di monte.

La montagna è una destinazione turistica popolare  e offre splendide viste sulla campagna circostante. Ci sono sentieri e piste ciclabili nella zona che consentono ai visitatori di esplorare le bellezze della zona.

 

Clima:

Il Belgio ha un clima oceanico prevalentemente mite e umido, influenzato dall’Oceano Atlantico. Le temperature in estate sono generalmente intorno ai 20-25 °C e in inverno intorno a 0-5 °C. A seconda della zona si possono verificare condizioni climatiche leggermente diverse.

A est del paese si trovano le Ardenne, dove gli inverni sono solitamente molto più freddi e le nevicate sono più frequenti.

Il Belgio è noto per le sue frequenti piogge e nebbie, causate dall’elevata umidità della zona. Ciò influisce sul paesaggio, che è pieno di verde e foreste. A causa del suo clima oceanico, il Belgio può sperimentare condizioni meteorologiche avverse durante tutto l’anno, come forti venti e temporali.

In estate può verificarsi un clima caldo e afoso, soprattutto nelle zone interne e intorno alla città di Bruxelles. D’inverno invece possono verificarsi tempeste di ghiaccio e neve, soprattutto nelle zone montuose dell’est del Paese.

 

Fauna e flora:

in Belgio vi sono tanti tipi di foreste. Nei boschi si possono trovare diverse specie di animali come caprioli, cinghiali, volpi e tassi. Possiamo vedere anche molte specie di uccelli, come la poiana, il picchio.

Inoltre, il Belgio ha un’area floreale diversificata che comprende diversi tipi di piante come orchidee, narcisi, tulipani e diversi tipi di erbe ed erbe aromatiche. Il Parco Nazionale Hoge Kempen (in italiano Parco Nazionale dell’alta Campine), ospita il più grande massiccio di cespugli del Belgio e le paludi delle Hautes Fagnes ospitano numerose specie animali e vegetali endemiche.

 

Agricoltura:

L’agricoltura belga è molto diversificata e comprende la produzione di vari tipi di colture come cereali, patate, barbabietola da zucchero, ortaggi e frutta. Anche il bestiame come mucche, maiali, pecore e pollame costituisce una parte importante della produzione agricola.

Il Belgio ha un terreno molto fertile, grazie al quale l’agricoltura è diventata una delle parti più importanti dell’economia del paese. L’agricoltura belga sta cercando di ridurre il proprio impatto sull’ambiente e alcune aziende agricole sono già passate all’agricoltura biologica.

Il Belgio è anche un importante produttore di birra e cioccolato, realizzati con ingredienti locali. Qui, ad esempio, si coltiva una varietà speciale di orzo per la produzione della birra e di canna da zucchero per la produzione del cioccolato.

 

Estrazione delle materie prime:

Il Belgio non ha molte materie prime e la maggior parte delle materie prime di cui ha bisogno deve essere importata. In passato, in Belgio venivano estratti la lignite e il carbone nero, ma questa attività mineraria è stata gradualmente interrotta nel XX secolo a causa di preoccupazioni ambientali.

Attualmente in Belgio vengono estratti principalmente, minerali come calcare, gesso e argilla. Queste materie prime vengono utilizzate per produrre materiali da costruzione come mattoni e cemento, nonché vetro e ceramica.

In Belgio vengono estratti anche alcuni metalli preziosi come oro, argento e diamanti. Tuttavia, i diamanti vengono estratti principalmente nei vicini Paesi Bassi e nell’Africa centrale, dove si trovano i giacimenti più grandi del mondo.

Il Belgio è anche un importante produttore di petrolio e gas naturale, ma queste materie prime devono essere importate nel paese, poiché praticamente non vengono estratte in Belgio.

 

Industria:

Il Belgio ospita molte imprese industriali che producono vari prodotti come automobili, tessili, alimenti, prodotti chimici e macchinari.

Nel settore automobilistico, il Belgio ospita numerosi marchi importanti come Volvo, Audi e Volkswagen. In Belgio vengono prodotti anche diversi tipi di macchinari come macchine utensili, torni e fresatrici, che vengono esportati in tutto il mondo.

Il Belgio è noto anche per la sua industria tessile, che vanta una lunga tradizione e comprende la produzione di vari tipi di tessuti come seta, cotone e lana. Le aziende tessili belghe sono specializzate nella produzione di materiali di lusso per l’industria della moda.

Nell’industria chimica, il Belgio ospita numerose importanti aziende specializzate nella produzione di vari prodotti chimici come coloranti, pesticidi e prodotti farmaceutici. Le aziende farmaceutiche belghe sono tra le più importanti d’Europa e producono un’ampia gamma di medicinali.

 

Servizi e altri settori dell’economia:

La città turistica più importante del Belgio è Bruxelles, sede dell’Unione Europea e della NATO. La città è conosciuta per la sua scena culinaria, soprattutto per le patatine fritte belghe, la birra e il cioccolato.

Un’altra famosa città turistica del Belgio è Bruges, famosa per i suoi canali, le case storiche e le piazze. La città ha una ricca storia che risale al Medioevo ed è considerata una delle città più belle del Belgio.

Il Belgio è anche sede di molte altre città storiche come Gand, Anversa, Lovanio e Dinant, che hanno le loro bellezze, la loro storia e la loro cultura.

Il Belgio è noto anche per le sue splendide aree paesaggistiche come le Ardenne, le Hautes Fagnes e il Parco Nazionale Hoge Kempen.

Il Belgio ha anche una ricca scena culturale e offre ai visitatori numerose gallerie d’arte e musei. Tra i più importanti ci sono il Museo Magritte di Bruxelles, il Museo delle Belle Arti di Gand e il Museo Rubens di Anversa.

 

 

Governo: monarchia costituzionale federale.

Il Belgio è una monarchia costituzionale parlamentare federale. Ciò significa che ha un monarca che ha un ruolo ampiamente rappresentativo, funzionando anche come un sistema parlamentare democratico con poteri esecutivi, legislativi e giudiziari.

Tutte e tre le regioni hanno una certa autonomia e hanno un proprio governo e parlamento. A livello federale c’è un governo federale e un parlamento federale. Il governo federale è composto dal primo ministro e da altri ministri nominati dal re. Il parlamento federale è composto da due camere: la Camera dei rappresentanti e il Senato.

Ci sono anche numerosi partiti politici che partecipano alle elezioni parlamentari in Belgio. I partiti politici più importanti includono il Partito Democratico Cristiano, il Partito Socialista, il Partito Liberale e il Partito Nazionalista.

Il Belgio è anche un membro attivo dell’Unione Europea, della NATO e di altre organizzazioni internazionali. Il Re e il governo svolgono un ruolo importante nel rappresentare il Belgio nella comunità internazionale.

 

Capitale: Bruxelles

Bruxelles è la capitale del Belgio e anche una delle città più importanti d’Europa. Si trova nella parte centrale del paese e ha una popolazione di circa 1,2 milioni di abitanti.

Bruxelles ospita molte istituzioni dell’Unione Europea, come la Commissione Europea, il Consiglio Europeo e il Parlamento Europeo, che le conferiscono una posizione importante come centro politico ed economico dell’Europa. La città è anche la sede della NATO.

Bruxelles ha un ricco patrimonio culturale e numerosi monumenti storici. I punti salienti includono la Grand Place, una piazza circondata da case storiche e il municipio, e l’Atomium, una struttura architettonica che ricorda una molecola.

Altre importanti attrazioni turistiche sono la Cattedrale di S. Michele e S. Guduly, il Palazzo Reale, il Museo Magritte e la celebre statua del Manneken Pis, simbolo della città.

 

Superficie: 30.529 km²

 

Popolazione: 11.600.000 (2022)

La maggior parte della popolazione vive nelle regioni della Vallonia e delle Fiandre, mentre la regione di Bruxelles è la regione più popolosa del paese.

Il Belgio è un paese multiculturale con diversi gruppi etnici e lingue. Il gruppo etnico più numeroso è quello dei belgi, che costituiscono circa il 75% della popolazione. Altri gruppi etnici significativi includono i valloni di lingua francese, i fiamminghi di lingua olandese e gruppi più piccoli di immigrati dall’Africa e dall’Asia.

Il Belgio ha tre lingue ufficiali: olandese, francese e tedesco. I fiamminghi parlano principalmente olandese, i valloni francese e una minoranza di persone nella Vallonia orientale parla tedesco. A Bruxelles si parlano sia il francese che l’olandese, così come altre lingue come l’inglese e l’arabo.

La maggior parte dei belgi segue la Chiesa cattolica romana, ma ci sono anche molte altre religioni nel paese, comprese le chiese protestanti, l’Islam e l’ebraismo.

 

Monumenti UNESCO: 15

 

  1. Foreste di faggio antiche e preistoriche dei Carpazi e di altre regioni d’Europa (2007) – Questo monumento comprende foreste di faggio protette in vari paesi europei, incluso il Belgio. Sono considerati un patrimonio naturale unico.
  2. Campanili del Belgio e della Francia (1999) – Questo monumento comprende torri e campanili in Belgio e Francia di importanza storica e culturale.
  3. Colonie di Benevolenza (2021) – Si tratta di insediamenti e colonie nei Paesi Bassi e in Belgio fondati nel 19° secolo per aiutare i poveri e i senzatetto.
  4. Beghinaggi fiamminghi (1998) – I beghinaggi erano case comunitarie per donne che non volevano sposarsi o entrare in convento. Questo monumento comprende un gruppo di beghinaggi del Belgio.
  5. Centro storico di Bruges (2000) – Bruges è famosa per i suoi edifici, canali e ponti medievali e gotici. Il loro nucleo storico fa parte di questo monumento.
  6. Grand-Place di Bruxelles (1998) – La Grand-Place di Bruxelles è considerata una delle piazze più belle del mondo, ricca di storia e architettura.
  7. Principali siti minerari in Vallonia (2012) – Questo monumento comprende siti minerari in Vallonia, Belgio, che hanno un significato storico e culturale associato all’estrazione del carbone.
  8. Le principali case cittadine dell’architetto Victor Horta (Bruxelles) (2000) – Quattro case cittadine progettate dal famoso architetto belga Victor Horta, esponente dell’Art Nouveau.
  9. Miniere di quarzo neolitiche a Spiennes (Mons) (2000) – Questo monumento comprende le miniere di quarzo neolitiche a Spiennes vicino a Mons, che sono un notevole esempio delle abilità tecniche degli uomini preistorici.
  10. Cattedrale di Notre-Dame a Tournai (2000) – La cattedrale romanica di Tournai è uno degli edifici ecclesiastici più importanti del Belgio.
  11. Complesso Plantin (2005) – Questo complesso ad Anversa comprende la casa, i laboratori e il museo associati alla tipografia Plantin-Moretus. È una delle più antiche tipografie sopravvissute al mondo.
  12. Palazzo Stoclet (2009) – Progettata dall’architetto Josef Hoffmann, questa residenza modernista è un importante esempio di stile Art Nouveau e Art Nouveau in Belgio.
  13. Opera architettonica di Le Corbusier (2016) – Questo monumento comprende diversi edifici progettati dall’architetto svizzero-francese Le Corbusier, tra cui uno in Belgio.
  14. Quattro martinetti sul Canal du Centre e dintorni (1998) – Questo monumento comprende quattro martinetti sul Canal du Centre in Belgio, che venivano utilizzati per superare l’elevazione e spostare le navi.
  15. Grandi città termali d’Europa (2021) – Questo monumento collega diverse città termali d’Europa, incluso il Belgio. Queste città hanno una ricca storia e cultura associata alle terme.

 

 

Parchi nazionali: 1

 

  1. Parco nazionale dell’alta Kempen.