ROMANIA

Data di creazione : 9 maggio 1877

Breve storia in ordine cronologico:

3° secolo: sul territorio dell’odierna Romania viene fondata la prima provincia romana della Dacia.

IX secolo: sviluppo della lingua e della cultura rumena nella regione dei Carpazi e della Duna.

XIV secolo: viene fondato il primo Principato di Moldavia e Valacchia.

16° secolo: l’Impero Ottomano ottiene il controllo del Principato di Valacchia.

XVII secolo: la Moldavia diventa uno stato vassallo dell’Impero Ottomano.

1859: Alexandru Ioan Cuza unisce Moldavia e Valacchia sotto un’unica guida.

1877-1878: La Romania partecipa alla guerra russo-turca, che porta al riconoscimento dell’indipendenza dall’Impero Ottomano al Congresso di Berlino (1878).

1881: Lo stato diventa un regno, Carol I è il primo re.

1916-1918: partecipa alla prima guerra mondiale a fianco dell’Intesa.

1918: si fonde con Valacchia, Moldavia e Transilvania per formare la Grande Romania.

1940: Dopo il Secondo Arbitrato di Vienna, la Romania perde parte del suo territorio a scapito dell’Ungheria e della Bulgaria.

1941-1944: Il paese partecipa alla Seconda Guerra Mondiale a fianco dell’Asse, per poi passare a fianco degli Alleati.

1947: diventa una Repubblica popolare sotto l’influenza dell’Unione Sovietica.

1989: Il regime comunista cade a seguito della rivoluzione, Nicolae Ceaușescu viene rovesciato e giustiziato.

1990: inizia il processo di democratizzazione e di riforma del mercato.

2007: Il paese diventa membro dell’Unione Europea.

 

Abbreviazione internazionale : RO

 

Valuta : leu rumeno (RON)

Il nome “leu” deriva dalla parola latina “leuca”, che significa “leone”, e si riferisce al legame storico della Romania con l’Impero Romano.

Le monete in leu rumeno hanno diverse denominazioni comunemente usate. Questi includono 1 ban (1 bani), 5 bani, 10 bani, 50 bani, 1 leu (100 bani), 5 lei e 10 lei.

Le banconote in leu rumeni sono emesse in diversi tagli, che includono 1 leu, 5 lei, 10 lei, 50 lei, 100 lei, 200 lei e 500 lei.

 

Dominio Internet : .ro

 

Prefisso telefonico : +40

 

Fuso orario : + 2 GMT

 

Geografia :

Nel nord e nel centro del paese si eleva l’imponente catena montuosa dei Carpazi, che costituisce una parte dominante del paesaggio. Queste montagne comprendono varie catene montuose e creste. Tra di loro si trova la pianura della Transilvania.

La parte meridionale della Romania, conosciuta come Valacchia, presenta un carattere topografico diverso. Qui si trovano varie valli e aree montane.

A est si trova la Moldavia, una regione agricola con fertili pianure e campi importanti per l’agricoltura e l’industria alimentare.

Vicino alla costa meridionale si trova lo splendido Delta del Danubio. Questa zona umida ospita molte specie di animali e uccelli.

Lungo la costa orientale si estende il Mar Nero, che offre bellissime spiagge e destinazioni turistiche.

 

Vetta più alta : Moldoveanu 2544 m sopra il livello del mare

La vetta più alta della Romania è Moldoveanu, che si trova nella catena montuosa Făgăraș, parte dei Carpazi.

 

Clima :

La maggior parte dell’entroterra della Romania ha un clima continentale. I mesi estivi sono da caldi a caldi, mentre gli inverni sono freschi e possono essere piuttosto freddi, con frequenti precipitazioni sotto forma di neve.

 

Fauna e flora:

L’orso bruno è uno degli abitanti caratteristici delle foreste locali.

Il lupo grigio è un altro notevole predatore che vive qui, anche se la dimensione della sua popolazione può variare.

Tra gli animali rari che si possono vedere nei Carpazi rumeni ci sono la lince e il lupo-lince.

Anche gli uccelli costituiscono una parte importante della fauna rumena, soprattutto nel delta del Danubio e nelle zone umide. Qui potrete incontrare cicogne, pellicani, cormorani e aironi.

Le foreste miste dei Carpazi costituiscono un elemento caratteristico del paesaggio rumeno. Includono specie arboree come faggio, abete, pino e larice. Le foreste ospitano anche una varietà di specie di alberi decidui, tra cui querce, faggi ed equiseti.

Nelle zone montuose e ad altitudini più basse ci sono brughiere e torbiere, dove prosperano piante come l’erica, il mirtillo rosso e altre specie palustri.

Alcune aree offrono anche zone di steppa e prati dove crescono diversi tipi di erbe ed erbe aromatiche.

 

Agricoltura :

La coltivazione dei cereali è uno degli elementi chiave dell’agricoltura rumena. Il paese produce grandi quantità di grano, orzo, mais e avena. Queste colture sono essenziali per la produzione di alimenti e mangimi per animali.

Anche i semi oleosi come il girasole e la colza sono importanti per la produzione di olio e altri prodotti.

L’allevamento del bestiame svolge un ruolo importante nel paese. La produzione di carne bovina e di latte costituisce una parte importante della catena alimentare. L’allevamento di pecore e capre ha una profonda tradizione nella vita rurale, principalmente per la lana e il latte.

Anche la produzione di pollame, compresa carne e uova, è importante qui.

 

Estrazione delle materie prime :

La Romania dispone di riserve di carbone, ma la sua produzione è diminuita negli ultimi anni. Il carbone era una fonte di energia significativa per il paese.

Il paese dispone di riserve di minerale di ferro, che è un’importante materia prima per l’industria del ferro.

Oltre al ferro e all’alluminio, qui vengono estratti anche altri metalli come oro, argento, rame e piombo.

La Romania ha anche alcune riserve di petrolio e gas naturale.

Ricche riserve di sale che vengono estratte da giacimenti sotterranei.

Alcune aree sono note per l’estrazione di gemme come ametiste, opali e altre.

 

Industria :

La Romania ospita numerose fabbriche automobilistiche, tra cui la famosa casa automobilistica Dacia, che appartiene al gruppo Renault.

L’industria pesante comprende la produzione dell’acciaio, la metallurgia, l’ingegneria e la produzione di apparecchiature industriali.

L’industria alimentare è un settore chiave qui. Il paese produce una varietà di alimenti, tra cui carne, latticini, prodotti da forno, dolciumi e bevande.

Negli ultimi anni, l’industria tessile ha dovuto far fronte alla concorrenza della manodopera a basso costo di altri paesi.

Il settore energetico comprende la generazione di elettricità ed energia termica da una varietà di fonti, tra cui carbone, petrolio, gas naturale, energia idroelettrica e nucleare.

L’edilizia svolge un ruolo importante nell’economia del paese, compresi progetti residenziali, commerciali e infrastrutturali.

 

Servizi e altri settori dell’economia : servizi, turismo, telecomunicazioni, trasporti, informatica

 

Punti di interesse naturali e storici :

Una delle principali attrazioni è la bellezza naturale. I Carpazi con le loro imponenti montagne, bellissimi laghi e foreste selvagge.

Il patrimonio culturale della Romania è un’altra grande attrazione. I monumenti storici, i complessi di castelli e i monasteri riflettono la lunga storia e la ricca cultura del paese. La Transilvania in particolare offre complessi di castelli gotici, tra cui il castello di Bran, famoso per le leggende di Dracula.

Città storiche come Bucarest, Sibiu, Cluj-Napoca e Brașov stupiscono con la loro architettura, i musei e gli eventi culturali.

I villaggi rumeni offrono poi una visione autentica del tradizionale stile di vita rurale, dove i visitatori possono conoscere l’artigianato e la cucina locale.

 

 

Forma di  governo : repubblica semipresidenziale

Il sistema politico della Romania è una repubblica parlamentare con le caratteristiche tipiche di una forma di governo mista. La sua struttura e i suoi meccanismi riflettono un quadro democratico e la separazione dei poteri. I seguenti elementi sono componenti chiave di questo sistema:

Al vertice dell’establishment statale c’è il presidente, che svolge il ruolo di capo dello Stato. Il presidente è eletto con voto diretto dei cittadini per un periodo di cinque anni. La sua posizione è importante perché il presidente ha poteri come il veto sulle leggi approvate e la nomina del governo. Sebbene abbia competenze considerevoli, alcune decisioni sono limitate dal controllo del parlamento e del governo.

Il Parlamento è composto da due camere: la Camera dei Deputati e il Senato. La Camera dei Deputati conta 329 deputati eletti per un mandato quadriennale, mentre il Senato ha 136 senatori, anch’essi eletti per un mandato quadriennale. Il Parlamento svolge un ruolo importante nel processo di elaborazione delle leggi e di supervisione delle attività del governo.

Il governo, presieduto dal primo ministro, ha il potere esecutivo. Il presidente nomina il primo ministro, che deve poi ottenere la fiducia del parlamento. Il governo ha la responsabilità di gestire gli affari statali, applicare le politiche e fornire servizi pubblici.

La magistratura è indipendente e ha il compito di garantire il rispetto della legge. La Corte Suprema è il massimo organo giudiziario e la Corte Costituzionale vigila sulla conformità delle leggi alla Costituzione.

 

Capitale : Bucarest

Si trova nella parte meridionale del paese ed è la città più grande della Romania. Bucarest è conosciuta per la sua ricca storia, architettura, musei ed eventi culturali. La città svolge anche un ruolo importante nell’economia della Romania ed è sede di molte importanti istituzioni e aziende.

Puoi trovare diversi monumenti architettonici degni di nota a Bucarest. Il bellissimo Palazzo del Parlamento, noto anche come “Palatul Parlamentului” o “Casa Poporului”, è uno degli edifici più grandi del mondo e rimane fino ad oggi un simbolo dell’era comunista in Romania.

 

Superficie : 238.397 km2

 

Popolazione : 19.030.000 (2022)

La lingua ufficiale è il rumeno, che è una lingua latina imparentata con l’italiano, lo spagnolo e il francese.

La maggioranza della popolazione è prevalentemente ortodossa, riflettendo la significativa influenza culturale e storica della Chiesa ortodossa nel paese. Inoltre qui vivono anche cattolici, protestanti e piccole comunità di altri gruppi religiosi.

Il principale gruppo etnico sono i rumeni, che costituiscono la maggioranza della popolazione. Qui vivono anche ungheresi, rom, tedeschi, ucraini e altre minoranze.

 

Monumenti UNESCO: 9

 

  1. Delta del Danubio (1991) – Il delta fluviale meglio conservato d’Europa, situato nella regione rumena della Dobrugia, una parte più piccola del delta del Danubio si estende anche nel territorio dell’Ucraina.
  2. Chiese in Moldavia (1993) – Questa voce comprende otto chiese nella parte rumena del territorio storico della Moldavia. L’esterno delle chiese è decorato con affreschi, grandi esempi di arte bizantina.
  3. Monastero di Horezu (1993) – Monastero ortodosso del XVII secolo situato nella regione della Valacchia.
  4. Villaggi con chiese fortificate in Transilvania (1993) – La voce comprende sette villaggi situati nella Transilvania sudorientale.
  5. Fortezze dei Daci sui monti Orăștij (1999) – Resti di sei fortezze fortificate costruite all’inizio del secolo per difendersi dai romani.
  6. Il centro storico di Sighișoara (1999) – Il centro storico di una cittadina situata nella regione storica della Transilvania, che ha conservato il carattere di cittadina medievale tedesca.
  7. Chiese di legno nella zona di Maramureš (1999) – Otto chiese di legno nella zona di Maramureš.
  8. Foreste di faggio originarie dei Carpazi e di altre regioni d’Europa (2007) – Foreste di faggio preservate in varie regioni d’Europa dai Pirenei al Mar Nero.
  9. Area mineraria di Roșia Montană (2021) – Area mineraria di montagna vicino al villaggio di Roșia Montană nella regione storica della Transilvania.

 

Parchi nazionali: 14

 

  1. Parco Nazionale Domogled-Valea Cernei
  2. Parco Nazionale Rodna
  3. Parco Nazionale Retezat
  4. Parco Nazionale Cheile Nerei-Beușnița
  5. Parco Nazionale Semenic-Cheile Carașului
  6. Parco Nazionale Calimani
  7. Parco Nazionale Cozia
  8. Parco Nazionale Piatra Craiului
  9. Parco Nazionale Munții Măcinului
  10. Parco Nazionale Defileul Jiului
  11. Parco Nazionale Masivul Ceahlău
  12. Parco Nazionale Bicazului-Hășmaș
  13. Parco Nazionale Bula-Vânturarița
  14. Parco Nazionale del Delta Dunarii